I "Progetti Verdi" del Castello

Per i più piccoli

Welcome children

Per educare i più piccoli al rispetto e alla tutela dell’ambiente e del territorio, nell’ultimo periodo sono stati attuati numerosi progetti che hanno coinvolto le famiglie, le scuole e i bambini, e grazie all’iniziativa Welcome Children,
i bambini nati nel primo semestre dell’anno 2019 (1 gennaio – 30 giugno 2019) e residenti nel Comune di Priverno, hanno ricevuto in dono dal Parco Naturale dei Monti Aurunci un alberello da piantare e far crescere, con amore e nel rispetto della natura e dell’ambiente; ai loro genitori invece, è stata offerta un’importante lezione sulle manovre di disostruzione pediatrica a cura del Comitato Provinciale Croce Rossa Italiana di Latina.

Progetto Ossigeno

Il 21 novembre di ogni anno, in occasione della Giornata nazionale degli alberi, gli studenti delle scuole di Priverno si ritrovano nel parco del Bosco di San Marti-no per collaborare alla piantumazione di nuovi piccoli alberi. Nel 2019 tale ricor-renza ha assunto un rilievo importante perché la Regione Lazio ha posto in essere il “Progetto Ossigeno” che prevede, per i prossimi tre anni, la piantumazione di 6 milioni di nuovi alberi, tanti quanti sono gli abitanti del Lazio.

Per tutti

Con delibera n. 8548 del 3 giugno 2020, la Regione Lazio ha approvato il progetto: “Benessere nella progettazione urbana”. Un programma che a compimento vedrà il Monumento Naturale di San Martino, a Priverno, tramutarsi in un ampio spazio interamente dedicato al gioco ealla pratica sportiva, suddiviso in tre aree distinte. La prima area riservata al “Gioco Bimbi”, dove saranno potenziate le attrezzature di gioco per bambini dai 4 ai 14 anni con l’installazione di altalene, reti per salto, scivoli e torrette per arrampicata e di due gazebo, come punto di sosta riparato e protetto, munito di uncongruo numero di panche e tavoli. Il tutto costruito in legno e con altri materiali conformi alle norme di sicurezza. La seconda, denominata “Parco Avventura”, dove nel polmone verde saranno disegnati percorsi di varia difficoltà, senza compromettere né la sicurezza né l’armonia dell’habitat naturale. La terza area sarà adibita a “Zona Sport”, sulla quale insisteranno tracciati con salto ad ostacoli di maggiore complessità, nonché strutture per arrampicata, stretching e altro. Grazie a tali interventi, l’ameno sito di San Martino potrà contare su un’offerta ludico-sportiva più ricca, destinata ad ogni fascia di età, capace di offrire momenti di svago ma anche opportunità di incontro e di socializzazione.